Main menu
Accademia di Belle Arti di VeronaDisegno e rilievo dei beni culturali

Disegno e rilievo dei beni culturali

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Corso di Diploma accademico di 1° o 2° livello in: Restauro PFP1 e PFP2

Anno: 2° anno
Codice: ABPR16
Settore artistico/scientifico/disciplinare: Disegno per la progettazione

Crediti formativi: 4
Ore: 50
Prof. Massimiliano Valdinoci
E-Mail: massimiliano.valdinoci@accademiabelleartiverona.it

Obiettivi formativi

Il rilievo di qualunque manufatto (decorazione o elemento lapideo)  presuppone l’intenzione di fornire un resoconto, il più oggettivo possibile, dei dati di fatto utili a identificarlo come stato attuale.  Gli strumenti usati in tale operazione, di tipo grafico, fotografico o descrittivo, sono però dotati di una vocazione proiettiva che tende a selezionare i dati in funzione degli obiettivi da raggiungere. Tale rappresentazione tendenziosa è resa più oggettiva dall’adozione di codici. In tal senso lo stile di rilevazione è già stile di progetto e da esso non può  prescindere. L’efficacia infatti del rilievo sarà tanto maggiore quanto più sarà chiara la strategia progettuale in cui si inserisce e a cui andrà riferita l’adozione di sistemi grafici, inquadrature fotografiche, valori numerici e descrizioni letterarie opportune. Rilievo quindi come attenzione alla permanenza dell’identità, intesa come peculiarità che distingue i manufatti nella storia e nel tessuto urbano. Il corso  intende relazionarsi con i corsi di Fotografia dei Beni culturali, Tecnologie informatiche per il restauro ed i laboratori di indirizzo dei PFP1 e PFP2. Il corso si propone di avviare gli studenti alla conoscenza delle metodologie di analisi, conoscenza e restituzione grafica degli elementi decorativi e lapidei dell’architettura storica, fornendo strumenti teorici e tecnici per progettare un rilievo nelle varie fasi operative. Rendere consapevole lo studente delle problematiche connesse con il recupero e la conservazione degli elementi architettonico-plastici dell’edilizia storica.

Contenuti del corso

•             Storia del rilievo degli elementi architettonici e decorativi: la trattatistica dal XV al XIX secolo.
•             Elementi di geometria descrittiva e proiettiva (cenni)
•             Gli  elementi architettonici
•             Gli ordini classici in architettura: i fondamenti storici, elementi portanti (colonna: capitello, fusto,base) e portati (trabeazione: cornice, fregio, architrave)
•             gli ordini nei loro particolari: i cinque ordini (toscano, dorico, ionico, corinzio, composito) capitello e trabeazione. la base e il piedistallo.
•             l’uso degli ordini: la colonna, l’intercolumnio, gli archi con/senza piedistallo, gli archi (modanature d’imposta e chiavi di volta), le balaustrate, gli ordini sovrapposti, gli attici e i basamenti, il bugnato, i frontoni, porte e finestre, le modanature e il loro arricchimento.
•             La rappresentazione grafica degli elementi lapidei
•             Elementi di fotogrammetria e di rilevazione con metodi non distruttivi
•             La ricostruzione di assetti precedenti degli elementi decorativi e lapidei attraverso le iconografie storiche

Testi di riferimento

J. SUMMERSON, Il linguaggio classico dell’architettura. Dal Rinascimento ai maestri contemporanei, Einaudi, Torino, 1970
AAVV, Teorie e metodi del disegno , Città-Studi, Milano 1994;
DOCCI, D.MAESTRI, Manuale di  rilevamento architettonico e urbano, Bari, Laterza  1994
M. DOCCI, D. MAESTRI, Storia del rilevamento architettonico e urbano, Bari, Laterza,1993
L.  MARINO, Il rilievo per il restauro, Hoepli, Milano, 1990
R. CHITHAM, Gli ordini classici in architettura, Hoepli, Milano, 2003
L. ZEVI a cura di, Il Manuale del restauro architettonico, Mancosu, Roma,2002,    pp. 9-49

Metodi didattici

L’attività didattica  suddivisa in lezioni esercitazioni in aula, sul campo avrà come finalità principale l’approccio e la stesura di un rilievo analitico (singole parti in scala appropriata, smontaggio e rimontaggio degli elementi costruttivi) e sintetico del portale interno di Palazzo Verità-Montanari.

Modalità di valutazione

La valutazione avverrà sulla base della produzione di un elaborato alle diverse scale di rappresentazione che evidenzi il percorso effettuato nel rilievo grafico e fotografico del tema assegnato.

FacebookTwitter