Main menu
Accademia di Belle Arti di VeronaPedagogia e Didattica dell’arte

Pedagogia e Didattica dell’arte

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Corso di Diploma accademico di 1° livello in:
Pittura

Titolo del corso: Pedagogia e Didattica dell’arte

Crediti formativi: 6
Ore:45
Prof. Davide Antolini
e-mail: davide.antolini@accademiabelleartiverona.it

Obiettivi formativi

Acquisizione di termini tecnici specifici, con riferimento ai principali nodi della Storia della Pedagogia.  Pedagogia del Laboratorio: funzione sociale ed educativa del momento creativo. La sapienza delle mani proprie e delle mani altrui.

Contenuti del corso

1- Parte generale: Socrate, Giovanni della Casa ed il Galateo, Rousseau, Froebel ed i suoi doni, teoria del Gioco e Gadamer.
Piaget, il disegno infantile, l’Art Brut e l’Arteterapia.

2-Parte monografica: “Il racconto di iniziazione” ; analisi di alcuni  momenti dei romanzi: Parsifal di Cretienne de Troyes, di Lazarillo de Tormes.

3-Laboratori:  ciascuna lezione avrà inizio con 40 minuti frontali; nelle ore successive l’allievo produrrà degli elaborati – principalmente su carta- sotto la guida del docente, sui seguenti temi: collage, acquerello, scrittura a china, tempera ed altro.

Verranno istituiti dei gruppi di lavoro; ciascun gruppo si dovrà occupare dello studio e della produzione manuale di un gioco antico. In aula verrà dato  un elenco dettagliato:”Ricerca giochi”.

4-Tesina: ciascun allievo potrà scegliere un titolo fra i punti 1,2,3 sopraelencati, per  compilare una piccola ricerca secondo quanto qui sotto esplicato:

Copertina: A.A.2014/2015, Titolo, Corso di…, Nome e Cognome Allievo

6 pagine A4, Se ci sono illustrazioni, 1 pagina in più per ciascuna riproduzione, chiara e leggibile, con didascalia. Bibliografia e sitografia.

Testi di riferimento

FORNACA, R., Storia della Pedagogia, La Nuova Italia, Firenze, 1993;
CRéTIEN de TROYES, Perceval, Guanda, Milano 1983 (titolo originale, in altre edizioni: Le Roman de Perceval ou le Conte du Graal;
ANONIMO, Lazarillo de Tormes, Feltrinelli, Milano, 1993;
ECO, R., A scuola col Museo. Guida alla didattica artistica, Fabbri-Bompiani, Sonzogno, 1999;
Garzantina di Filosofia.

Metodi didattici

Lezione frontale di 40 minuti: registrazione manuale di appunti su block notes.  Dibattiti aperti con allievi e fra gruppi. Produzione di elaborati; il lavoro di gruppo e verifica.

Uscite didattiche: museo, paesaggio e gallerie d’arte.

Modalità di valutazione

l’esame consisterà :
analisi della tesina,  una domanda su uno dei punti del Contenuto del programma. L’alunno dovrà portare tutti i lavori realizzati durante il semestre e commentarli in base agli appunti compilati durante le lezioni.
Il quaderno di appunti potrà essere trasformato in “Libro d’artista”, dopo una attenta e pertinente programmazione.