Main menu
Accademia di Belle Arti di VeronaElementi di fisica applicata al Restauro

Elementi di fisica applicata al Restauro

Corso quinquennale a ciclo unico in: Restauro PFP1/PFP2

Anno: 1° anno
Codice: ABPR29
Settore artistico/scientifico/disciplinare: Chimica e fisica per il restauro

Crediti formativi: 6
Ore: 45
Prof.ssa Roberta Giorio
E-Mail: roberta.giorio@accademiabelleartiverona.it

A.A. 2016/2017

Obiettivi formativi

Il corso si prefigge di fornire le conoscenze di base di fisica applicata ai beni culturali per comprendere i meccanismi di degrado connessi alle variabili termoigrometriche. Il focus è incentrato sul comprendere i parametri di temperatura, umidità, illuminazione a livello dell’ambiente che circonda le opere d’arte e come questi parametri intervengono nell’accelerare i meccanismi di degrado dei materiali di cui sono composte le opere d’arte da tutelare.

Prerequisiti

Conoscenze di base di termodinamica, chimica inorganica e organica.

Contenuti del corso

• Concetti di base sull’ambiente atmosferico: concetto di microclima e parametri microclimatici fondamentali per la comprensione dei fenomeni di degrado di manufatti artistici
• Definizione di temperatura e parametri per descrivere il contenuto di vapore in atmosfera
• Misurazioni di temperatura e umidità relativa per la conservazione dei beni culturali secondo le norme EN 15758:2010 e EN 16242:2012
• Il concetto di clima storico secondo la norma EN 15757:2010
• Strumenti di misura delle variabili fondamentali per lo studio del microclima in ambienti confinati e non
• Interazioni fisiche tra atmosfera e materiali lapidei e litoidi: meccanismi di degrado legati a cicli di condensazione/evaporazione, gelo/disgelo, deliquescenza/cristallizzazione, cicli termici e igrometrici.
• Il ruolo dell’acqua su materiali lapidei e litoidi. Tensione superficiale, formazione di goccioline e condensazione sulle superfici, nei micropori e nei capillari. Risalita capillare, metodi fisici e chimico-fisici per contrastarla
• Fenomeni di deposizione di particolato sulle superfici di opere d’arte
• Contenuto igrometrico dei materiali e metodi di misurazione
• Sistemi di illuminazione naturale e artificiale e fenomeni di degrado correlati
• Interpretazione dei diagrammi termoigrometrici per la corretta conservazione delle opere d’arte mobili e per ambienti espositivi
• Sistemi di riscaldamento e edifici storici: problematiche di intervento

Testi di riferimento

D. Camuffo: Microclimate for cultural heritage – 2nd edition, 2014 Elsevier

Metodi didattici

Lezioni frontali, analisi in classe di case history, esperienze didattiche in classe

Modalità di valutazione

Colloquio orale.

FacebookTwitter