Main menu
Accademia di Belle Arti di VeronaTecniche dei dipinti su supporto ligneo e tessile per il restauro – a.a. 2017/2018

Tecniche dei dipinti su supporto ligneo e tessile per il restauro – a.a. 2017/2018

Corso quinquennale a ciclo unico in: Restauro PFP2

Anno: 1° anno
Codice: ABPR72
Settore artistico/scientifico/disciplinare: Tecniche della pittura per il restauro

Crediti formativi: 8
Ore: 100
Prof.ssa Parodi Valentina
E-Mail: valentina.parodi@accademiabelleartiverona.it

OBIETTIVI E FINALITA’
Il corso ha come principale obiettivo quello di approfondire le tecniche artistiche necessarie per l’analisi critica del manufatto artistico in tutti i suoi componenti (materiali, storici ed estetici). Tale capacità di analisi risulta indispensabile per poter poi eseguire una adeguata diagnosi del degrado e delle patologie presenti sui manufatti nonché un’appropriata lettura storico artistica.

CONTENUTO/PROGRAMMA
1) I dipinti su tela
 L’analisi tecnica dei manufatti su tela
I supporti tessili. Le fibre naturali (animale, vegetale, minerale); le fibre sintetiche (poliammidiche, poliestere, viniliche); le fibre artificiali (Raion, Viscosa). La composizione. La lavorazione. La tessitura. Compattezza e titolo. I tipi di armatura, l’evoluzione della tela in relazione all’evoluzione della tecnica pittorica.
I telai. Il funzionamento e la regolazione. I telai fissi (a mezza pialla o mezzo legno, a dente maschio e femmina o tenone e mortasa con dente a mezzo legno, semplice o in quinto), i telai espansibili (zeppe e forcelle), i telai a molla, le trazioni regolabili.
Le preparazioni. Le funzioni. Le proprietà. Il variare delle preparazioni nelle diverse epoche storiche. La differenza tra “preparazione”, “mestica” e “imprimitura”.
I pigmenti e coloranti. Prorietà dei pigmenti (organici e inorganici). Colori minerali, vegetali e animali. I principali pigmenti usati nell’antichità. I colori del cinquecento e il concetto di velatura. Il vederame, il resinato di rame, il bitume, il mummia. I pigmenti e i coloranti nell’età industriale.
I medium – le tecniche pittoriche. Funzione e prorpietà. I leganti acquosi, i leganti in emulsione, gli olii siccativi. Tempere di natura proteica (all’uovo, alla caseina, al latte, alla colla); tempera di natura polisaccaride (alla gomma arabica, adragante, di ciliegio). Gli olii. Differnza tra olii siccativi ed essenziali. Definizioni di tempera magra, tempera grassa e tecnica mista. La compatibilità tra i medium e i pigmenti. I colori del cinquecento e l’uso delle vernici nella definizione cromatica del dipinto. I colori senza corpo e l’uso delle vernici cinqecentesche.
Le vernici. Le caratteristiche e la funzione. Le resine naturali. La differenza tra “resine”, “oleoresine” o “balsami”; “resine fossili”; “resine animali”. Le vernici antiche attraverso le diverse fonti storiche (L’atramentum, zopyssa ecc); le vernici alto medievali (le vernici grasse). Le vernici del Quattrocento e del Cinquecento (vernici magre e grasse). Le vernici tradizionali di resine naturali (Mastice, Dammar ed Elemi). L’uso delle Vernici nelle velature della pittura del Cinquecento. Le resine sintetiche per vernici (le resine viniliche e acriliche solo un cenno).
 La pittura su tela dal medioevo al Rinascimento
 La trattatistica di riferimento: Alcherio, Vasari, Armenini
 La pittura su tela dal manierismo al pieno Seicento
 La trattatistica di riferimento: Giambattista Volpato, Francisco Pacheco.
 La pittura del Sette e dell’Ottocento.
 La trattatistica di riferimento i manuali tecnici francesi (Montabert e Meriméé) e quelli italiani (Marcucci, Previati ecc).
 Alcuni casi emblematici: ad esempio la pittura di Tiziano, la pittura di Dosso Dossi, la pittura di Caravaggio, la pittura di Tiepolo, la pittura di Hayez, di Fattori ecc. (i casi proposti si differenziano di anno in anno).
2) I dipinti su tavola
 L’analisi tecnica dei manufatti su tavola
Il supporto ligneo: La costituzione del legno (midollo, durame, anelli di crescita, alburno, cambio, libro, corteccia), la costituzione chimica del legno (olocellulose, lignine, estrattivi ecc), i tagli (tangenziali, radiali, diametrali ecc), le principali specie legnose (conifere, latifoglie), i legni più usati in Italia. Le tecncihe di assemblaggio e costruzione dei supporti lignei con i loro elementi (traverse) funzionalità e tecnologia dei sistemi di sostegno, caratteristiche ed evoluzioni nei diversi periodi storici.
La preprazione del supporto ligneo. Le fonti principali (Eraclio, Teofilo, Cennini ecc). La lavorazione del legno (strumenti e materiali), l’incamottatura, tecnica e sviluppo, le preparazioni (composizione, caratteristiche degli elementi costitutivi e loro sviluppo nel tempo).
Le ancone, i polittici: analisi della tecnica esecutiva di alcune opere emblematiche.
I pigmenti e coloranti. Prorietà dei pigmenti (organici e inorganici). Colori minerali, vegetali e animali. I principali pigmenti usati nell’antichità per i dipinti su tavola.
I medium – le tecniche pittoriche. Funzione e prorpietà. I leganti acquosi, i leganti in emulsione, gli olii siccativi, i polimeri sintetici. Tempere di natura proteica (all’uovo, alla caseina, al latte, alla colla); tempera di natura polisaccaride (alla gomma arabica, adragante, di ciliegio, alla sarcolla). Gli olii. Differnza tra olii siccativi ed essenziali. Definizioni di tempera magra, tempera grassa e tecnica mista. La compatibilità tra i medium e i pigmenti. Le ricette più diffuse della tempera all’uovo.
Le vernici. Le caratteristiche e la funzione. Le resine naturali. La differenza tra “resine”, “oleoresine” o “balsami”; “resine fossili”; “resine animali”. Le vernici antiche attraverso le diverse fonti storiche (L’atramentum, zopyssa ecc); le vernici alto medievali (le vernici grasse). Le vernici del Quattrocento e del Cinquecento (vernici magre e grasse, l’esperienza dei fiamminghi). Le vernici tradizionali di resine naturali (Mastice, Dammar ed Elemi).
La lamina metallica (Oro, argento, stagno ecc). Tecniche esecutive per i dipinti su tavola e per le loro cornici: tecnica a guazzo, a missione, a conchiglia, la pastiglia, la cardatura, la punzonatura e la bulinatura (cenni in relazione alla genesi dell’opera e al suo sviluppo).
 Lo sviluppa dal medioevo al rinascimento
 La trattatistica Medioevale: Teofilo, Cennino Cennini, Manoscritto Bolognese.
 Alcuni casi emblematici: ad esempio La croce dipinta del maestro, Giotto, Guglielmo, Gentile da Fabriano, Andrea Mantegna (i casi proposti si differenziano di anno in anno).

BIBLIOGRAFIA
Saggi sulle tecniche artistiche e le fonti storiche (in ordine per data di edizione) GIAMBATTISTA VOLPATO, Del preparare tele, colori, od altro spettante alla pittura, Tipografia Baseggio 1847- Google libri –
U. FORNARI, La fabbrica delle vernici e dei prodotti affini, lacche e inchiostri da stampa, mastice e ceralacche, Milano Hoepli 1892. G. PREVIATI, La tecnica della Pittura, Torino 1905.
A. BESOZZI, Datazione dell’impiego dei pigmenti nelle pitture ad olio usati nelle belle arti, 1962, in “Chimica”, 1962, vol I. F. BRUNELLO, Cennino Cennini il libro dell’arte commentato ed annotato da F. Brunello, Vicenza 1971.
G.B. NICODEMI, Dizionario delle tecniche pittoriche antiche e moderne, Milano, Il Castello 1977. C. MALTESE (a cura di), Le tecniche artistiche, Mursia, Milano 1973.
F. BRUNELLO, I colori nel trattato ‘ Compositiones ad tingenda’ del secolo VIII, in Pitture e Vernici, 1974, vol 12.
P. BENSI, La tavolozza di Cennino Cennini, in “Studi di Storia delle Arti”1978-79.
L. LAZZARINI, Il colore nei pittori veneziani tra il 1480 e il 1580, in “Bollettino d’arte” 1983, supplemento n. 5, Studi veneziani. Ricerche d’archivio e di laboratorio. AA. VV. La fabbrica dei colori, pigmenti e coloranti nella pittura e nella tintoria. Il Bagatto, Roma, 1995, 1986.
C. LALLI, M. MATTEINI, M. MOLES, M.R. NEPOTI, Stesure artificiali di leganti pittorici. Olii, resine, cere, colle, uovo, preparate in miscele binarie: caratteristiche analitiche e proprietà. In “OPD Restauro”, n. 2, 1987. G. B. ARMENINI, De veri precetti della pittura, in “ i Millenni”, Einaudi 1988. Libro II, Cap. 6-7-8-9-10 M. MATTEINI, M. MOLES, La chimica nel restauro. I materiali dell’arte pittorica. Nardini, Firenze 1989.
S.BORDINI, Materia e immagini, fonti sulle tecniche della pittura, Roma 1991. C. MALTESE, Preparazioni e finiture delle opere pittoriche, Mursia, 1993.
Michelangelo Merisi da Caravaggio. Come nascono i capolavori (a cura di Mina Gregori), Firenze, Electa, 1992.
V. GHEROLDI, Ricette e ricettari. Tre fonti per la storia delle tecniche delle arti alla Biblioteca Queriniana di Brescia (sec. XVI-XVII), Brescia 1995. G.VASARI, Le vite dei più eccellenti pittori, scultori e architetti, Firenze 1568, Einaudi Torino 1995. Libro II , Cap. 47-48-49
AA.VV, Tiziano. Amor Sacro e Amor profano, Catalogo della mostra, Roma, Electa 1995
AA.VV. Dosso Dossi, Pittore di Corte a ferrara nel Rinascimento, catalogo della mostra, Ferrara 1998.
S. BARONI, I ricettari medievali per la preparazione di colori e la loro trasmissione, in “Il colore nel medioevo. Arte, simbolo e tecnica” Atti delle giornate di studi, Lucca 1996
AA.VV, Caravaggio al Carmine. Il restauro della Decollazione del Battista di Malta, Firenze, Skira, 1999. F. FREZZATO (a cura di), Cennino Cennini il libro dell’arte, Neri Pozza, 2003.
GRANDIERI (a cura di) Theophilo, Sulle diverse arti, ed. Graphis sl, 2005. O. GUERRINI, C. RICCI, Il libro dei colori. Segreti del secolo XV (a cura di Paolo Castellani) ed. Quattroventi, Urbino, 2007 Atti del Convegno Tela Picta. Tele dipinte dai decoli XIV e XV in Italia settentrionale. Tipologie, iconografie, tecnjche esecutive, (a cura di) M.G. Albertini Ottolenghi, 2006 in “Arte Lombarda”, 153, 2008/2.
Atti del Convegno Effetto luce. Materiali, tecnica, conservazione della pittura italiana dell’Ottocento. Firenze, Edifir, Firenze, 2008.pp. 19-31, pp.51-64, pp.65-74
F. PACHECO, (a cura di Bonaventura Bassegoda) Arte della pintura, Ediciones Catedra, 2009.
A. CASOLI, M.E. DARECCHIO, L. SARRITZU, I coloranti nell’arte, ed Il prato, 2009. N. BEVILACQUA, L. BORGIOLI, I. ALDOVER, I pigmenti dell’arte: dalla preistoria alla rivoluzione industriale, Il Prato, Padova 2010.
L. MARCUCCI, Saggio analitico sopra i colori minerali e mezzi per procurare gli artefatti (…), Roma 1813.ed. Ulan Press, 2012.
A. CARINI, I. MARELLI, G. POLDI, Francesco Hayez, Tecnica pittorica e restauro, kermes n. 96,2013.
J. DE SANNA ( a cura di ), Giorgio De Chirico. Piccolo trattato di tecnica pittorica 1928, riedizione Abscondita, 2013 (collana Miniature).
Nella profondità dei dipinti. Le ricette di Giorgio De Chirico (a cura di Lycia Giola Pavia e Alessandro Pavia) in “METAFISICA”, Quaderni della fondazione Giorgio e Isa De Chirico n. 11/13 (2014).
E.LISSONI, L.RAMPAZZI, La tavolozza di Francesco Hayez, Storia, conservazione e scienza, Scalpendi editore, 2015.
Le vernici nella storia dell’arte e del restauro
V. GHEROLDI, Le vernici al principio del Settecento. Studi sul trattato di Filippo Bonanni, Cremona, 1995.
A. CERASUOLO, La vernice mastice. Istanze del restauro moderno attraverso la fortuna di un materiale, in “Bollettino ICR”, n.s., 10-11.
S.RINALDI, Vernici originali e vernici da restauro: l’impiego della chiara d’uovo tra Seicento e Settecento, in “Bollettino ICR” n.s. 10-11.
Storia del restauro
A. CONTI. La patina della pittura a vent’anni dalle controversie “storiche”. Teoria e pratica della conservazione, in “Ricerche di Storia dell’Arte”, n. 16, Torino 1982.
M. BIANCHI, “Patina”: appunti per una definizione, in “Itinerari” III, 1984.
E.H. GOMBRICH, O.KURZ, S.REES JONES, JOYCE PLESTERS, (a cura di Alessandro Conti), Sul restauro, Einaudi, Torino, 1988.
T. BRACHERT, La patina nel restauro delle opere d’arte, Nardini Firenze, 1985- 90.
A. CONTI, Storia del Restauro e della conservazione delle opere d’arte, Electa Milano, 1993.
G. MAINO, L. CIANCABILLA, Progettare il restauro. Tre secoli di indagini scientifiche sulle opere d’arte, Edifir, Firenze 2004.
M.I. CATALDO, La lettera di Hackert sull’uso della vernice: implicazioni di una fonte nota, in “Dossier Bollettino ICR” n.s. 10-11, 2005.
M. CIATTI, Appunti per un manuale di storia e di teoria del restauro, dispense per gli studenti, Edifir, Firenze 2010.
Le analisi scientifiche:
H.P. AUTENRIETH, A. ALDOVRANDI, P. TUREK, La tecnica della ripresa fotografica della fluorescenza ultravioletta: problemi ed esperienza, in “Kermes”, V, n. 14, Nardini Firenze 1992.
M. MATTEINI, A. MOLES, Scienza e restauro, Metodi di indagine. Nardini Firenze 1993.
H. ALTHOFER, La radiologia per il restauro, Firenze, 1997.
AA.VV. (a cura di C. OLEARI) Misurare il colore. Spettrofotometria, fotometria e colorimetria. Fisiologia e percezione, Hoepli, Milano 1998.
A. ALDOVRANDI, M.PICCOLO, Metodi di documentazione e indagini non invasive sui dipinti, Padova 1999.
S. VOLPIN, L. APOLLONIA, Le analisi di laboratorio abbinate ai beni artistici policromi, il Prato, Padova 1999.
A. CASOLI, P. CREMONESI, M. VIZZARI, Studio analistico per la caratterizzazione del legante pittorico delle sculture votive del Santuario di Santa maria delle Grazie di Mantova, in “Progetto e Restauro”, n. 13, Il Prato 2000.
I. A. GRACIA, Applicazioni della spettroscopia IR allo studio dei beni culturali, Il Prato, Padova, 2001.
M. CARDINALI, M.B. DE RUGGERI, C. FALCUCCI, Diagnostica artistica. Tracce materiali per la storia dell’arte e per la conservazione, Roma 2002.
C. SECCARONI, P. MOIOLI, Fluorescenza X- prontuario per l’analisi xrf portatile applicata a superfici policrome, Firenze 2003.
Dipinti su supporto ligneo:
AA.VV. Conservazione dei dipinti su tavola (a cura di) L. Uzielli, O. Casazza, Firenze 1994.
M. FIORAVANTI, L. UZIELLI, La struttura del supporto ligneo, pp.89-95: B.SCHLEICHER, Il restauro: interventi, osservazioni tecniche, indagini scientifiche, pp. 60-66, in “A cura di Anna Maria Maetzke, silvana editoriale 1994.
AA.VV, Painted Wood: History and conservation, Getty conservation Institute, 1994
L. Uzielli, La conoscenza delle specie legnose, in “progetto cultura: il legno nell’arte”, 1995.
C. Castelli, M. Ciatti, M. Parri, A. Santacesarea, Considerazioni e novità sulla costruzione dei supporti lignei nel Quattrocento, in OPD Restauro, 9, 1997, pp.162-174 AA.VV, Dipinti su tavola. La tecnica e la conservazione dei supporti, Edifir, Firenze 1999 e successive edizioni.
AA.VV, Pinxit Gullielmus, Il restauro della Croce di Sarzana, Firenze Edifir, 2001
AA.VV, Il gentile risorto, Il polittico dell’Intercessione di Gentile da Fabriano, Firenze Edifir, 2006.
M. Ciatti, P. Marini (a cura di), La pala di San Zeno di Andrea Mantegna. Studio e Conservazione, Firenze Edifir 2009.

METODI DIDATTICI
Lezioni frontali in aula con proiezioni di slide, visite didattiche a laboratori di restauro, Musei ed esposizioni temporanee e permanenti.
Laboratorio pratico con l’esecuzione di alcune delle tecniche artistiche esaminate, con particolare attenzione alla sperimentazione dei vari materiali al fine di prendere confidenza con le loro caratteristiche e peculiarità (diversi tipi di supporto, preparazione, leganti, finiture, ecc.).

MODALITA’ DI VERIFICA DELL’APPRENDIMENTO.
Esame orale con domande inerenti le lezioni frontali e la bibliografia specificata a lezione e con domande inerenti la parte pratica in particolar modo le caratteristiche e i metodi di preparazione dei diversi materiali utilizzati per le esercitazioni in laboratorio. All’allievo sarà richiesto di sviluppare un approfondimento tematico (tesina o PowerPoint) da discutere in sede d’esame.


FacebookTwitter