Main menu

(Italiano) Cause and effects, conversazione con Amanda Beech

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

CAUSE AND EFFECT
CONVERSAZIONE CON AMANDA BEECH

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI VERONA
IN COLLABORAZIONE CON GALLERIA ARTERICAMBI

MARTEDÍ 25 GIUGNO 2019 ORE 18.00
AULA MAGNA – VIA MONTANARI 5, VERONA (VR)

 

 

In occasione della sua prima personale in Italia presso la Galleria Artericambi (via Leida 6 a Verona, dal 29 giugno al 30 settembre), l’Accademia di Belle Arti di Verona ha ospitato l’incontro con l’artista inglese Amanda Beech.

L’artista, che attualmente vive e lavora a Los Angeles, ha presentato il suo percorso e le sue opere, attraverso la proiezione di foto e video. Partendo dalla dura critica delle politiche neoliberali e passando attraverso l’impegno per la realizzazione del futuro, l’artista stessa ha spiegato i temi centrali del proprio lavoro:

“Nel mio lavoro c’è un forte interesse per la cultura popolare e l’estetica dello spettacolo di massa, così come per la grafica della comunicazione mediatica. Il video e le opere su carta che fanno parte di questa mostra, adottano uno stile che simula il gioco ed esplorano l’iscrizione delle nostre attività nel sistema di produzione. Nel video, il riferimento è agli ideali di mobilità, movimento, differenziazione e libertà che sono promossi dalla mitologia liberale dell’autonomia individuale.[…] L’opera Cause and Effect – continua l’artista riferendosi al lavoro che dà il titolo alla mostra e alla conversazione – è un sistema dove, come in un gioco, ogni unità sembra essere stata utilizzata per produrre l’altra. È un dispositivo che si produce da solo e che invita chiedersi quale parte di ogni lavoro è stata usata come mezzo di produzione dell’altra. L’opera adotta lo stile dei graffiti, lo mescola con quello dell’attivismo politico e con l’esplosione di forme tipica delle console dei videogiochi illuminate a led. Questo per suggerire che siamo intrappolati in giochi dei quali non possiamo comprendere le regole e che le nostre credenze rispetto al modo in cui il mondo funziona e al modo in cui possiamo cambiarlo hanno un effetto patologico. […] Nel mio lavoro, in maniere diverse, cerco di pensare all’arte come a un progetto costruttivo, che necessita di un impegno concreto”.

 

*immagine: Amanda Beech, Cause and effect – Paintings, 2016

Scarica il comunicato stampa

Scarica la locandina