Main menu

Servizi Studenti

Accoglienza e prove di ingresso

Nella consapevolezza che la presenza di disabilità o di difficoltà di apprendimento possono comportare sforzi aggiuntivi, l’Accademia di Belle Arti di Verona mette a disposizione una serie di supporti per lo studio e per la partecipazione attiva alla vita universitaria.

Alcuni esempi di misure compensative ammesse alle prove d’ingresso sono: tempo aggiuntivo e tavolino per carrozzina.

La richiesta viene valutata dalla Segreteria didattica in base ai documenti presentati.

A tal fine, è necessario:

 Ulteriori informazioni:

  • tutte le indicazioni e la documentazione fornite vengono trattate con riservatezza e soggette alle norme vigenti della privacy;
  • le certificazioni vanno consegnate una sola volta e rimangono valide per tutta la loro durata; i benefici di riduzione della contribuzione studentesca si applicano automaticamente per gli anni accademici successivi;
  • è necessario far pervenire prima possibile le nuove certificazioni che sostituiscono quelle già consegnate;

Supporti per gli esami

Come prevedono gli articoli di legge 17/1999 e 170/2010 le studentesse e gli studenti con disabilità o con difficoltà di apprendimento possono richiedere di svolgere gli esami con modalità personalizzate.

A titolo di esempio, è possibile avere del tempo aggiuntivo a disposizione.

Per ciascun esame la richiesta di “prova personalizzata” deve essere inviata via email (didattica@accademiabelleartiverona.italmeno dieci giorni lavorativi prima della data dell’esame; il personale dedicato dell’Ufficio contatterà quindi la/il docente per concordare gli “adattamenti ragionevoli” necessari.

Modulo di richiesta di una prova d’esame personalizzata

L’Accademia di Belle Arti di Verona vuole garantire la tutela della Privacy e della dignità dell’individuo agli studenti e alle studentesse in transizione di genere, consentendo un ambiente di studio sereno volto al reciproco rispetto delle libertà e dell’inviolabilità della persona ai sensi della legge 164/1982.Viene per questo prevista l’attivazione di una carriera alias che consiste nell’assegnazione di un’identità provvisoria, transitoria e non consolidabile. È una modifica della carriera reale e rappresenta l’anticipazione dei provvedimenti che si renderanno necessari al termine del procedimento di transizione di genere.

Documenti utili: